In un chiaro, gelido mattino di gennaio all'inizio del ventunesimo secolo