Community » Forum » Recensioni

Il maestro delle ombre
1 1 0
Carrisi, Donato

Il maestro delle ombre

Milano : Longanesi, 2016

Abstract: Fu il primo dei tribunali della curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che bene e male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. E per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro che sono alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

317 Visite, 1 Messaggi
Riccardo Guerra
332 posts

Purtroppo anche Carrisi è scivolato. Il libro, che fa parte della saga dei penitenzieri, non è interessante come altri.
Premetto che non condivido sue affermazioni non corrette su perdono e sacramento della confessione (poco rispettoso di un sacramento) e come molti altri scrittori fomentano una versione della Chiesa Cattolica fondata su strutture ecclesiali sordide e votate al male. E' un modo facile di vendere libri, lo capisco; ingredienti come società segrete all'interno della chiesa, personaggi di alto rango dediti ad intrighi e segreti catturano l'attenzione dei lettori. Falsi stereotipi che generalizzano errori umani, perchè la chiesa fa parte dell'umanità e quindi della possibilità di sbagliare. Si arriva quindi al deplorevole.
La figura di Cornelius è troppo simili a quella del dottor Lecter; diviene quasi fastidioso per la similitudine del personaggio.
La pecca maggiore del libro è l'inverosimile trama. Dopo aver letto "Il suggeritore" mi ero annotato tutti i suoi libri, perchè il suo modo di scrivere mi era piaciuto: martellante, senza soste, pieno di colpi di scena e perchè i racconti erano verosimili, dove alla fine "tutto torna".
L'apocalisse di Roma, la barbarie nella notte (come la serie di film horror) lasciano molto a desiderare.
La chiusura finale con il tentativo dell'ultimo colpo di scena non è sufficiente a "rialzare" le sorti del libro.
Tutto macchinoso, le indagini non seguono una logica apprezzabile, i personaggi poco credibili, le vicende si susseguono con poca forma e sufficiente collante; tanti ingredienti mescolati e tenuti insieme in modo raffazzonato.
Spero il filone si sia inaridito e l'autore scriva di altro.
Il penitenziere mago della notte che vede ed immagina cose, che servono a condurre ad una fine una indagine, è risultato poco attraente ed è scivolato nel commerciale per tenere a galla questa saga.
La storia d'amore finale pessima è la giusta pietra tombale.

  • «
  • 1
  • »

369 Messaggi in 360 Discussioni di 18 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.