Community » Forum » Recensioni

L'uomo che credeva di non avere più tempo
3 1 0
MUSSO, Guillaume

L'uomo che credeva di non avere più tempo

Milano : Sonzogno, 2005

Abstract: New York, ai giorni nostri. Nathan Del Amico è uno degli avvocati più famosi della città. Ha fatto una carriera davvero invidiabile, che però ha pagato a caro prezzo: ha lasciato che un vuoto si insinuasse tra lui e la moglie Mallory e l'ha persa. Lei è tornata a San Diego dai genitori, portando con sé la piccola Bonnie, la figlia che Nathan adora e che ormai riesce a vedere così di rado. È un uomo solo. Un giorno riceve una visita inaspettata: un uomo che non ha mai visto prima, Garrett Goodrich, si presenta nel suo ufficio. È un medico di chiara fama, così sembra, eppure farnetica cose senza senso, sostiene di essere in grado di riconoscere le persone prossime alla morte, e dì avere una missione da compiere.

33 Visite, 1 Messaggi
Riccardo Guerra
256 posts

E' un racconto con la morale sul tempo; quella differenza insita nel vocabolo che i greci per spiegarla utilizzavano due parole: chronos e kairos. Il racconto usa la fantasia, figure che acquisiscono poteri non voluti. Qualche esagerazione negli episodi ed eventi che accadono ai personaggi, ma funzionali alla morale.
Ovviamente un racconto malinconico, che stimola a vivere intensamente la propria vita; non c'è tempo per serbare rancore.
Si legge volentieri.

  • «
  • 1
  • »

288 Messaggi in 281 Discussioni di 15 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.