Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

I confini del nulla - di Carsten Stroud

Confuso. Troppi personaggi dai nomi non proprio semplici da ricordare. Storie che si intrecciano tra passato e presente in modo abbastanza confuso. Vuol essere un racconto di azione, thriller, horror, poliziesco; troppe cose insieme.
A tratti si inceppa. Probabilmente deve essere letto dopo il primo libro della serie "Niceville".
Non entusiasmante.

La regola dell'equilibrio - Gianrico Carofiglio

Carofiglio non è mai banale, nemmeno quando racconta episodi quotidiani. Riesce ad essere reale e profondo nella quotidianità del personaggio. Guerrieri è il suo personaggio più riuscito, nella sua continua ricerca dell'idea di giustizia. L'autore lo usa per raccontare le sue esperienze ed opinioni di magistrato. Sono piacevoli anche le sue digressioni all'interno del racconto principale; episodi che accadano nella libreria notturna del suo amico Ottavio. In questo libro Carofiglio parla della corruzione che coinvolge un magistrato e sulle sue implicazioni morali.

Assassinʼs creed® - Oliver Bowden

Narra le gesta di un super eroe di altra epoca, che aiutato da un Leonardo da Vinci Archimede Pitagorico (amico di Paperinik) combatte i templari associato ad una setta di assassini. Episodico come lo può essere un gioco al pc fatto di singole missioni dove si celano pezzi di un puzzle, è a tratti noioso e poco attento ai particolari, sorvolando su molte cose.
Buchi temporali, salti geografici, il personaggio immortale ed indistruttibile riesce ad infiltrarsi ovunque, salando l'impossibile. Un libro dove l'autore inserisce molti personaggi storici, ma che non descrive con sufficiente attenzione; così come paesaggi, città e fatti.
Il finale è peggiore di ogni possibile immaginazione.

Il pittore che visse due volte - Chris Paling

La storia non è lineare; l'autore tenta la tecnica del doppio racconto basato su due livelli temporali per stuzzicare l'attenzione del lettore mediante l'attesa, ma entrambe le storie sono lacunose. Meglio il racconto che si svolge nel passato; quello attuale è ancora meno credibile. L'autore non riesce a concludere entrambe le storie; ne costruisce la struttura, ma la conclusione lascia a desiderare.

Novecento - Alessandro Baricco

La sua lettura è molto piacevole; se seguita alla visione del film "La leggenda del pianista sull'oceano" riecheggiano le note di Morricone e il sorriso malinconico dell'attore.

Hyperversum - Cecilia Randall

Non è appassionante come gli altri, seppur piacevole da leggere. I momenti di pausa negli eventi però permettono al lettore di "pensare" e quindi farsi domande che non hanno risposta. La trilogia (poi proseguita) ha il difetto di non essere verosimile; l'autrice non è riuscita a creare risposte valide che sostengano la storia. Inoltre è tutto molto semplice, accomodante e accomodato per far fluire la storia dall'epilogo troppo scontato e mal costruito. Troppi viaggi temporali, troppo poche spiegazioni, poco contestualizzato nella storia reale. Pensare di accostare un personaggio inventato proveniente dal futuro addirittura al re francese avrebbe necessitato di qualcosa in più. E' comunque un libro piacevole da leggere senza pretese.

Il fiore rosso e il bastone - Herta Müller

Le parole e i modi di dire hanno un significato profondo, soprattutto in coloro che vivono in regimi di dittatura dove ogni cosa è spiata e mal interpretata, dove la pestilenza intellettuale e psicologica è inoculata sin dall'infanzia. Quante dittature esistono indisturbate anche ai giorni nostri, dove la libertà non è ancora un valore universale.

Dust - Hugh Howey

La conclusione della storia. Più o meno tutto è stato rivelato; rimane da raccontare la conclusione. Perciò l'ultimo libro è privo della suspence presente nei primi due (soprattutto nel primo).

L' eleganza del riccio - Muriel Barbery

Una scrittura elegante, che rende piacevole la lettura nonostante il cinismo funzionale al finale. Finale che non può però essere quello auspicato di una commedia, perchè l'idea della vita secondo l'autrice è quella di un'opera drammatica impreziosita da alcuni fiori. Le camelie.